La “libera scelta” di chi si indebita per curarsi in strutture private

Accantonata la retorica degli angeli e degli eroi nulla è stato fatto per i medici delle strutture pubbliche. Gravissimo in un Paese come il nostro che ha un vuoto di organico pauroso: 17.000 medici che mancano all’appello e l’avanzamento di carriera ormai è “un miraggio”. In allarme anche i pronto soccorso e i reparti di chirurgia che hanno perdite. Un’emergenza sanitaria e sociale se non si interviene con misure urgenti: a rischio il funzionamento del Servizio sanitario nazionale e l’attuazione della riforma da 200 miliardi di euro, prevista dal Pnrr, che andrà in Parlamento nei prossimi giorni. Intanto, le scadenze dettate dall’Europa incalzano: entro il 30 giugno, data improrogabile, l’Italia dovrà presentare a Bruxelles la riforma approvata dal Parlamento. Nella attuale situazione non sarà una passeggiata.

Fonte: Italia libera – Giornale digitale di formazione e partecipazione attiva 

L’inchiesta di ANNA MARIA SERSALE

IL – 9 Marzo 2022

Il sistema sanitario pubblico malato e la “libera scelta” di chi si indebita per curarsi in strutture private

https://italialibera.online/primo-piano/il-sistema-sanitario-pubblico-malato-e-la-libera-scelta-di-chi-si-indebita-per-curarsi-in-strutture-private/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_campaign=gli-ultimi-articoli-di-italia-libera

 

Se l'articolo ti è piaciuto condivilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Federlearn.it – Divulgazione Responsabile