Dopo due referendum il fantasma torna tra noi

La fissione nucleare è più vecchia del transistor, ha detto il Nobel per la fisica Giorgio Parisi. È maledettamente pericoloso, prima durante e dopo. E inciderebbe sulle bollette in modo vertiginoso, proprio adesso che il governo sta pensando a come calmierare i costi esorbitanti dell’energia recapitati a Natale nella cassetta delle lettere degli italiani. Ora il fantasma del nucleare si sta riaffacciando prepotentemente nel futuro dell’Europa, nonostante l’Italia abbia chiuso i ponti con l’atomo nel 1990 e abbia promosso da più di 30 anni la transizione al gas. Già nel 1987 e nel 2011 due referendum popolari hanno bocciato le centrali. Il movimento ambientalista torna ad indossare l’elmetto.

Fonte: Italia libera – Giornale digitale di formazione e partecipazione attiva

L’inchiesta di LILLI MANDARA

IL – 2 Febbraio 2022

Dopo due referendum il fantasma torna tra noi: «No al nucleare nella “tassonomia verde” europea»

https://italialibera.online/primo-piano/dopo-due-referendum-il-fantasma-torna-tra-noi-no-al-nucleare-nella-tassonomia-verde-europea/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_campaign=gli-ultimi-articoli-di-italia-libera

Se l'articolo ti è piaciuto condivilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Federlearn.it – Divulgazione Responsabile